Conferenza europea sul futuro della Strategia dell’UE per la gioventù

Approfondimenti
UTILITÀ

Il 2017 è stato definito dalla Commissione europea come "L’anno dell’ascolto", con l’obiettivo di raccogliere le opinioni di tutti gli stakeholder sul futuro della politica dell'UE per i giovani dopo il 2018. Al fine di valutare l’attuale Strategia per la gioventù 2010-2018, la Commissione ha organizzato nel corso dell’anno alcuni focus group ed una Conferenza europea per confrontarsi con i rappresentanti dei giovani delegati dai Paesi membri e conoscere il loro punto di vista sul futuro dell’UE.

I principali messaggi
I giovani in tutta Europa apprezzano il valore della mobilità internazionale e del volontariato e si aspettano il proseguimento e l’espansione del programma Erasmus+, nonché una semplificazione dei processi e delle procedure per la presentazione delle domande.
Le aree di comune interesse dei giovani sono risultate l'istruzione, le opportunità di mobilità, la partecipazione civica, l’occupazione e il mercato del lavoro, i diritti umani e l’inclusione sociale, e proprio in questi settori vorrebbero vedere un più consistente coinvolgimento dei responsabili politici.

Nel campo dell'educazione, i delegati hanno sottolineato la necessità di comprendere e integrare l'apprendimento non formale nei sistemi di istruzione e formazione, riaffermando la raccomandazione del Consiglio del 2012 sulla convalida dell’apprendimento non formale e informale. I partecipanti alla Conferenza hanno richiesto una più ampia gamma di opportunità di mobilità e di volontariato per un numero più elevato di beneficiari, utilizzando i moltiplicatori per far crescere la consapevolezza in tutta l'UE.

I dibattiti hanno anche evidenziato che i giovani valorizzano la democrazia e la partecipazione civica, spesso invitando i propri Paesi a rafforzare i processi democratici a livello nazionale ed europeo, approfondendo il ruolo del Parlamento europeo e sensibilizzando sui meccanismi esistenti, come l'iniziativa Cittadini europei e il Dialogo strutturato. I giovani hanno anche sottolineato le connessioni con altre aree politiche, come i diritti umani, le sfide ambientali e l’inclusione sociale. Una pre-condizione importante per l'inclusione e la partecipazione dei giovani è la loro indipendenza economica, che a sua volta richiede una situazione stabile di lavoro e un alloggio decoroso. Condizioni non assicurate a parte dei giovani in Europa.

In che direzione andiamo? Ambizioni per la futura Strategia dell’UE per la gioventù
Un panel - che ha coinvolto il Commissario europeo per l'istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport, Tibor Navracsics, l’eurodeputata e Presidente della Commissione cultura e istruzione del Parlamento europeo, Petra Kammerevert, il Presidente del Forum europeo della gioventù, Luis Alvarado, la Presidenza maltese del Consiglio dell'UE - ha discusso i risultati dell’attuale Strategia dell'UE per la gioventù, i propositi per il futuro e come il futuro potrebbe contribuire ad affrontare le sfide dei giovani in Europa.

La discussione e le domande del pubblico hanno dato vita ad una sessione altamente interattiva, hanno evidenziato i risultati ottenuti dall’attuale Strategia e dagli strumenti associati, ad esempio il Dialogo strutturato, al fine di creare un terreno di discussione, migliorare la visibilità delle sfide che i giovani devono affrontare in tutta Europa e definire i giovani stessi come un'importante dimensione trasversale di molte iniziative politiche. La Strategia è stata anche un’utile base per condividere esperienze e pratiche tra gli Stati membri.

Tuttavia, le sfide principali che la gioventù incontra in Europa sono ancora in gran parte irrisolte, poiché richiedono azioni continue e concertate. In particolare, i partecipanti hanno discusso su come la politica dell'UE in materia di gioventù possa essere utilizzata per promuovere un'azione coordinata sulla disoccupazione giovanile, la partecipazione civica e lo sviluppo personale.
I dibattiti hanno sottolineato l'importanza che la Strategia futura abbia obiettivi ambiziosi in un ridotto numero di aree e mantenga il suo valore aggiunto come piattaforma di discussione, pur continuando a promuovere azioni per affrontare le principali sfide dei giovani in Europa. Per raggiungere i suoi obiettivi, la Strategia dell'UE per la gioventù deve anche coinvolgere altri livelli della governance, in particolare le autorità locali che hanno una diretta interazione con i giovani. I governi locali potrebbero anche contribuire maggiormente alla diffusione di buone pratiche, fornendo servizi, coordinando le diverse aree politiche che contribuisco al miglioramento della vita dei giovani e attuando approcci innovativi.

Un punto sollevato per ulteriori discussioni è stata la competenza geografica della futura Strategia dell'UE per la gioventù ed il suo legame con la politica estera dell'Unione.

Risultati chiave
Uno dei risultati chiave della Conferenza è stata la convinzione manifestata da molte delle parti interessate che la strategia dell'UE dovrebbe essere trasversale, cioè in grado di fornire risultati sostenibili se integrati e strettamente allineati ai diversi ambiti della politica, compresi istruzione e formazione, cultura, occupazione, imprenditorialità, migrazione e salute. La politica della gioventù non è di competenza esclusiva del livello comunitario e anche l'UE ha bisogno di coinvolgere altri livelli di governance nell’elaborazione, attuazione e monitoraggio.

La futura Strategia dell'UE per la gioventù dovrebbe continuare a coinvolgere i giovani nelle fasi di elaborazione e attuazione, ma anche una più ampia gamma di attori come, ad esempio, gli animatori giovanili, e dovrebbe riuscire a raggiungere il livello locale, le città e le aree rurali. L'UE dovrebbe anche cercare di agevolare le sinergie con le diverse fonti di finanziamento, incluso Erasmus+, i fondi strutturali e di investimento, nonché i finanziamenti nazionali e regionali. I partecipanti hanno sottolineato la necessità di includere i giovani provenienti da background svantaggiati e le minoranze nelle iniziative di mobilità e volontariato.

I dibattiti hanno inoltre evidenziato la necessità di disporre di dati e informazioni accurate, sia sulla situazione dei giovani sia sull'attuazione della Strategia per la gioventù. Per avere un impatto reale sulla vita dei giovani, l'UE dovrebbe fissare obiettivi a livello europeo e nazionale, monitorare i progressi, fornire ai giovani maggiore accesso alle informazioni, basandosi su strumenti, reti esistenti e nuove. In questo contesto, il Dialogo strutturato è stato menzionato come strumento unico e significativo, anche se la sua implementazione pratica dovrebbe essere ulteriormente migliorata.


Se vuoi saperne di più scarica il documento Report on youth-strategy 

erasmus mini

corpoeuropeo mini

occasioni mini

  • Facebook

  • Twitter

ALTRE ATTIVITÀ, PARTNERSHIP E CAMPAGNE